Respirare bene per camminare bene ed evitare di restare senza fiato

(3)
Pubblica un commento

Respirare, camminare... Due gesti talmente naturali che spesso ci si dimentica di eseguirli in modo consapevole. Eppure, respirare bene si impara allo stesso modo del camminare bene: con l’esperienza. Illustriamo qui di seguito come controllare la respirazione per sentirsi meglio e migliorare la resistenza nella camminata veloce.

Respirare bene è essenziale per camminare bene

Quando pratichi la camminata veloce, l’organismo richiederà più ossigeno che a riposo. Servirà ad alimentare i muscoli e a permetterti di protrarre lo sforzo. Durante la marcia veloce, può capitare di concentrarsi più sulla camminata e sui rispettivi movimenti che su una respirazione completa e regolare. Eppure, è altrettanto importante per camminare bene.

È necessario saper respirare per eseguire un lavoro corretto, camminare senza perdere il fiato ed evitare le classiche fitte al fianco. Spesso, quando si inizia un’attività fisica come la camminata sportiva, i podisti commettono l’errore trattenere il respiro durante lo sforzo. In questo modo, però, sopraggiunge l’affanno e la fitta al fianco.

L’idea è quella di imparare a respirare in modo profondo e regolare – con la pancia – per sfruttare la capacità polmonare al massimo. Quindi, avrai le riserve di ossigeno necessarie a protrarre lo sforzo e a camminare con più efficacia.

1 esercizio per diventare consapevoli del respiro a riposo

Per imparare a respirare correttamente, c’è un semplice esercizio di respirazione che potrai effettuare la sera a casa o prima della camminata veloce. Dovrai semplicemente distenderti sul dorso e appoggiare una mano sulla pancia.

Respirando in modo lento e profondo – con il diaframma –, sentirai gonfiarsi prima il ventre e, poi, i polmoni. Il diaframma si trova tra la gabbia toracica e l’addome. Nella fase di inspirazione – attraverso le narici – i polmoni si dilatano per accogliere l’aria inspirata. Espirando dalla bocca, il diaframma permette ai polmoni di espellere l’aria e al ventre di sgonfiarsi lentamente.

Se non percepisci alcun movimento all’altezza del ventre, vuol dire che stai respirando con il torace – e, quindi, in modo incompleto. Ripetendo questo esercizio con regolarità, sarai in grado di eseguire lo stesso movimento respiratorio durante le camminate sportive.

I vantaggi di questo esercizio si percepiranno anche nella vita quotidiana. Grazie a questo modo di respirare – calmo e regolare – la mente è serena. Se sei stressato, oltre alla camminata veloce, non esitare a praticare questo esercizio!

I consigli di Emmanuel Lassalle per respirare bene durante la camminata sportiva

«Col tempo, non avrai alcun problema ad applicare l’esercizio qui sopra durante la camminata veloce. Bisogna sforzarsi di acquisirlo con naturalezza perché aiuta a stare dritti. È di fondamentale importanza per tenere la giusta postura da camminata sportiva ed evitare dolori alla schiena, e per praticare uno sport di resistenza come il nostro. Inoltre, i vantaggi di una respirazione corretta si percepiscono anche nella vita quotidiana! Lascia che sia l’organismo a imprimere in modo naturale il ritmo alla respirazione. I modi di respirare possibili sono tanti quanti i podisti. Personalmente, imprimo il ritmo alla respirazione basandomi sul movimento delle braccia. Inspiro per il tempo necessario a eseguire 3 movimenti con le braccia, ed espiro per i 3 movimenti successivi».

Potrai ritmare il respiro anche in base alla falcata, esattamente come Emmanuel fa con le braccia. Tenendo la schiena eretta, se l’obiettivo è rafforzare la fascia addominale, potrai contrarre leggermente i muscoli durante l’espirazione. Ciò ti aiuterà anche a tenere una posizione eretta senza affaticare le anche. 

Gestire il respiro durante lo sforzo è quindi essenziale per camminare bene: impedisce di rimanere troppo velocemente senza fiato, di arrivare ad avere una fitta al fianco e di dover interrompere la camminata. Per completare la respirazione, non dimenticare di iniziare lentamente e di terminare con una camminata più lenta per un recupero adeguato.

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
Lasciare un'opinione
Benefici della camminata

Che sia per perdere peso, per tonificare il corpo o per rimettersi in forma, la camminata ha il vantaggio di non sovrasollecitare le articolazioni. La pratica di questa attività apporta dei benefici non solo fisici ma agisce positivamente su tutta la salute: è uno sport semplice ed efficace contro la prevenzione di malattie cardio-vascolari e la prevenzione del diabete. Quindi perché non approfittare di tutti i benefici della camminata?

(1)
HAUT DE PAGE