La camminata sportiva, o l’arte di rullare il piede nel modo giusto!

(11)
Pubblica un commento

Qual è la differenza tra la camminata di tutti i giorni e la camminata sportiva? Il movimento del piede! Nel primo caso, il movimento viene eseguito inconsciamente; mentre, nel secondo caso, è completamente controllato.

Nella camminata sportiva, una corretta rullata del piede è essenziale per rafforzare i muscoli senza procurarsi infortuni. Allaccia le scarpe per la camminata sportiva e lavora ai «primi passi»!

Saper «camminare nel modo giusto» nella camminata sportiva

Nonostante il ritmo dolce, la camminata veloce esige uno sforzo da parte dell’organismo. Durante lo spostamento, il peso corporeo si trasferisce da un piede all'altro. La tecnica della camminata sportiva sta quindi in questo movimento del piede che gli consente di tollerare il peso corporeo, senza subirlo. Una sfumatura davvero importante!

Per proteggere le articolazioni, devi quindi prestare attenzione a eseguire questo trasferimento in modo bilanciato tra l’attacco del tallone al suolo e la spinta attraverso le dita.

Rullata del piede dal tallone alle dita

L’obiettivo è di ottenere una maggiore ampiezza di movimento facendo rullare il piede per l’intera lunghezza: dal tallone fino alle dita.

Nella pratica, devi sentire le dita del piede sinistro spingere verso terra mentre il tallone destro esegue l’attacco a terra.

1 - Appoggio del tallone

Appoggia il tallone completamente, con delicatezza. L’impatto con il suolo è quindi più ammortizzato e distribuito su una superficie più grande. Questo gesto protegge le articolazioni del piede. Infatti, il rischio di infortunio si moltiplica quando premi la falcata rilasciando tutto il peso corporeo verso terra.

La corretta rullata del piede, e in particolare l’appoggio del tallone, ti permetterà di eseguire una camminata leggera!

2 - Rullata del piede

Una volta che il tallone è a terra, rulla completamente il piede in modo da sentire tutte le articolazioni muoversi fluidamente.

Questo specifico movimento della camminata sportiva scarica a terra qualsiasi impatto che altrimenti si ripercuoterebbe all’altezza di ginocchia, fianchi e schiena. Resta all’ascolto del corpo per perfezionare la falcata.

3 - Spinta attraverso le dita!

Il piede è ormai completamente a contatto con il terreno: è arrivato il momento di «darsi la spinta» energicamente con le dita.

  • Suggerimento: per eseguire correttamente questo movimento, immagina di voler mostrare la suola delle scarpe a chi ti segue.

Soprattutto, non trascurare la spinta perché ti consentirà di avanzare guadagnando potenza e velocità nella camminata. Controllando questo gesto alla perfezione, farai lavorare i muscoli di piede, gamba, cosce e glutei.

Adesso ti è chiaro: a camminare nel modo giusto, si impara! È anche la condizione sine qua non di una falcata leggera e ritmata, perfettamente coordinata al movimento delle braccia.

Sei riuscito a eseguire correttamente questo primo passo? Raccontaci come hai iniziato a praticare la camminata sportiva e quali programmi hai in proposito!

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
Lasciare un'opinione
Programmi d'allenamento
(4)
Tecniche e consigli

È un argomento che interessa sopratutto i neo-marciatori, quando si comincia a correre può insorgere un fastidiosissimo dolore davanti alla gamba e precisamente all'altezza della tibia. Questo dolore denota l'infiammazione di un muscolo molto sollecitato: il muscolo tibiale anteriore. Nulla di grave!

(28) 1
Benefici della camminata

Perché si dice che la camminata sportiva è uno sport completo? La camminata sportiva – attiva o veloce – non rafforza solo i muscoli inferiori. Oltre a far lavorare cosce e glutei, la camminata sportiva rafforza tutti i muscoli dalla vita in su, soprattutto braccia e addominali.

(3)
HAUT DE PAGE